Generic selectors
Termine esatto
Cerca per termine
Cerca nel contenuto
Search in posts
Search in pages

Apparato Centrale Computerizzato

ACC. Apparato Centrale (V.) a Logica programmata (V.), elettronico e computerizzato, che si basa su architetture e procedure hardware e software. L’ACC rappresenta l’evoluzione tecnologica degli Apparati Centrali Elettrici a pulsanti di Itinerario (ACEI, V.) e degli Apparati Centrali Elettrici a leve individuali (ACE, V.) sostituendo la Logica cablata (V., realizzata mediante circuiti elettrici, elementi meccanici ed elettromeccanici), attraverso la Logica programmata (V.), realizzata cioè mediante elementi elettronici (cosiddetti componenti statici) programmabili via software. L’ACC è in via di diffusione nelle ferrovie europee. In FS dopo tre sperimentazioni sul campo di Apparati con due diverse architetture, un primo tipo nelle stazioni di Riva Trigoso-Genova Bolzaneto e un secondo tipo nella stazione di Porretta Terme sono state effettuate installazioni per il normale esercizio nello scalo di Milano Fiorenza e nella stazione di Roma Termini. Il primo tipo di sistema si basa su un’architettura a multiprocessori (esempio TMR, V.) che garantisce la sicurezza, tra l’altro, mediante la concordanza ottenuta tramite più calcolatori in parallelo che elaborano le stesse funzioni, mentre un dispositivo di controllo esegue la selezione sulla concordanza (es. almeno due elaboratori su tre) dei risultati ottenuti; la sicurezza è anche garantita da una verifica continua dei risultati delle elaborazioni dei diversi processi e dalla possibilità di bloccare il sistema in caso di discordanza. Di principio, gli impianti ACC sono formati da una Unità di Elaborazione delle Logiche di movimento (UEL), una Unità Interfaccia Operatore (UIO) e da una Funzione di supporto (UFS). La UEL ha lo scopo di gestire le logiche di “movimento” treni in stazione con requisiti di sicurezza; le principali attività sono: l’acquisizione dello stato degli enti di piazzale (controlli), l’invio dei comandi agli enti, l’interblocco ed il rilascio degli enti relativi a movimenti di treni; l’interfacciamento con gli enti viene realizzato mediante moduli elettronici (statici) denominati Controllori di Enti (CE). Le parti componenti ogni singola postazione dei DM operatori (UIO) sono il Terminale Operatore (TO), la Tastiera Funzionale (TF), il Quadro Luminoso a video (QLv) e un eventuale QL a retroproiezione (QLr); il TO è composto dal Video Terminale Operatore (Video/TO), da una tastiera standard estesa e da un mouse; il video è diviso in tre aree: Area Comandi, con i “bottoni” per l’attivazione delle finestre comandi; Area Guida Operatore, dove compaiono i messaggi (eccezioni) inviati dall’apparato; Area Allarmi, con i “bottoni” relativi agli allarmi che consentono la loro identificazione per famiglia (segnali, deviatoi, PL, ecc.); il mouse e la tastiera permettono la selezione dei comandi disponibili del Video/TO; la TF permette di eseguire i comandi di apparato disponibili: itinerari, istradamenti, manovra di emergenza e individuale dei deviatoi (DEV) e delle scarpe fermacarri (SFC), funzioni di soccorso, inibizione delle zone TE, esclusione degli enti; il QLv, composto da uno o più video, riproduce schematicamente il piazzale e fornisce il controllo dello stato degli enti rappresentati; il QLr è un video di grandi dimensioni, sito nella sala movimento, per facilitare la visione del piano schematico dell’impianto aggiornato con la situazione di piazzale. Le principali funzioni che svengono svolte dalla UFS sono: la gestione della supervisione dei movimenti treni, la gestione della diagnostica e della manutenzione, la gestione delle funzioni di servizio (scambio dati con altri sistemi, archiviazione dati e documentazione tecnica, gestione delle stampe, registrazione cronologica degli eventi). L’architettura dell’ACC può essere realizzata con funzioni UEL concentrate o distribuite mediante uno o più nodi elaborativi che effettuano la gestione (controllo e comando) degli enti di piazzale (CE); l’insieme dei nodi elaborativi e dei CE di una parte di piazzale è denominato Gestore di Area (GA). Principali caratteristiche software: software di base proprietario fisso e invariabile, che comprende: il sistema operativo, la gestione delle comunicazioni, la diagnostica on-line e la gestione degli interfacciamenti; software applicativo parametrico per i dati di personalizzazione, fisso e invariabile (una volta fissate le regole di logica e di gestione del banco e degli enti di piazzale), che comprende: inizializzazioni, gestione dei comandi operatore, logiche di apparato e gestione real-time degli enti di piazzale; software di configurazione, che comprende: dati per la personalizzazione della stazione, tabelle delle condizioni e dati di configurazione dell’hardware.

Link... for your business

WikiRail

WikiRail